Connect with us

paolo virzì non aveva mai sentito nulla di molestie nel mondo del cinema (più: sono questi due i registi italiani potenti accusati?)

Gossip Italiano

paolo virzì non aveva mai sentito nulla di molestie nel mondo del cinema (più: sono questi due i registi italiani potenti accusati?)

Ah….ho appena finito di vedere big little lies: pensare che in america facciano cose così divine tanto da portarmi a vedere ben 6 puntate da un ora pur odiando i drammi e pur avendo capito tutta l’antifona dalla puntata due mentre qua facciamo roba chiamata “capri” o “sirene” già dovrebbe dirla lunga sullo stato attuale del nostro panorama.

PER ORA, PIù CHE SULLE VERE CAPACITà DI CHI è AL COMANDO CHEZ NOUS, I FARI sono puntati sull’argomento “molestie” e paolo virzi, sentito dalle iene in quanto regista noto e di potere invece che una vera e propria condanna della cosa ha avuto una controdomanda di quelle che io amo mettere nel file “donato bilancia”

il file donato bilancia é quel file in cui finisce chi si giustifica di qualcosa mettendo in mezzo 1) altre situazioni che non c’entrano un tubo 2) altre situazioni per far sembrare il suo caso minuscolo. Proprio appunto come se donato bilancia dicesse vabbè ho ammazzato 30 donne ma vuoi mettere con quello che ha fatto hitler

la risposta data infatti è stata questa

“Un argomento così importante andrebbe trattato con delicatezza, con rispetto e non trasformarlo in una cosa voyeuristica, perché poi io stesso morbosamente sono stato attratto dal cercare di sapere. Siamo sicuri che questo è il modo giusto? Mi farei delle domande.Nel cinema non avevo mai sentito dire queste cose invece mi risulta che in televisione, nei casting nelle trasmissioni soprattutto di varietà, sia molto più probabile che avvengano comportamenti impropri. Quindi mi sorprende che una trasmissione Mediaset, se è libera, non rivolga a se stessa”.

Non so neanche da dove iniziare. Anni fa a scuola mia venne Veronesi , il regista non lo scrittore, e ad una mia super innocua per niente riferita neanche lontanamente a questa situazione domanda su “come si trova nell’ambiente del cinema Italiano e lo consiglierebbe” rispose così seccato e offeso e attaccato e coda di pagliesco (in realtà volevo solo farmi raccontare aneddoti su quanto fossero magnanimi o  in alternativa tirchi i produttori) che a posteriori pensare che non si riferisse in qualche modo -non certo personalmente- a storie birichine che tral’altro si sentono da sempre nel cinema , ogni cinema, in ogni latitudine, è quanto mai buffo. Invece Virzì, a suo dire, non ne sapeva nulla. Virzì. uno dei registi più influenti noti e di successo Italiani, capace di far fare a suo fratello non uno ma 2 film tremendi (sconsiglio soprattutto l’estate del mio primo bacio) . Qua non si tratta di dire “non ho assistito personalmente” che già mi stupirebbe, perchè non è sempre stato regista, ma anche garzone di bottega o come dicono a boris “schiavo”, no: lui proprio non aveva mai neanche “sentito dire queste cose”. E poi, come da punto 2, svicola su una cosa che anche se vera, e probabilmente lo è, non migliorerebbe in alcun modo la posizione di nessuno. Di nessuno al mondo, non solo al cinema. Dire si ma l’ha fatto anche lui, indicando con il dito, è una cosa che da manuale pedagogico si smette di fare intorno ai 6 anni.

Ovviamente voglio fare una differenzazione anch’io: qua non parlo di occhi chiusi e via o di provini da 4 soldi “ora proviamo una scena di sesso, ok? o di marito e moglie” che andavano sgamati già al fatto che venivano proposti in casa o in hotel e che usano il cinema solo come specchietto per le allodole, parlo di film sostenuti da fondi statali (come lo sono quasi tutti) messi su da gente che in cambio voleva solo e soltanto una cosa. Per me finchè un film se lo fa un privato e distribuisce un privato può chiederti quello che vuole. è cinema, non è scuola. può essere nefandesco quanto vuole. ma se i registi accusati sono quelli che si dice, bè c’è addirittura l’aggravante che uno dei 2 ,pagato profutamatamente da soldi nostri-scusatemi questo momento del debbio- non guadagnava mai un euro, e spesso neanche finiva in circolazione.

 

 

 

5 Comments

5 Comments

  1. Monica

    11 Novembre 2017 at 15:34

    Che schifo mamma mia,pare che Brizzi sia in crisi con la moglie.Comunque lu ha negato e pare voglia querelare chi lo ha diffamato.

    • claudia mastro

      12 Novembre 2017 at 11:53

      io devo dire che dalla descrizione
      (40 enne, produttore, romano) avevo pensato a mainetti, ma è anche vero che non solo gabriele mainetti -quello di lo chiamavano jeeg robot- non è così potente, ma poi quello che forse non si sa è che è un uomo richissimo di famiglia, con il padre che possiede veri e proprio palazzi, e quindi il suo interesse per il cinema è minimo.

  2. Monica

    11 Novembre 2017 at 15:38

    Comunque se non avesse fatto il regista,Virzi una come la Ramazzotti la vedeva giusto su un catalogo per modelle

  3. virginiamanda

    11 Novembre 2017 at 23:30

    Patetici.
    Patetici tutti. I registi a cui viene chiesto di difendersi a priori e le accusatrici che ora si sentono forti e quindi ricordano momenti che avevano deciso di rimuovere su cui non c’è la possibilità di verificare.
    Nel mezzo, e come al solito, quelli o quelle che hanno subito delle violenze vere e proprie e che vengono trattati con sufficienza, alla stregua di chi ha invece solo accettato un invito a cena per ottenere una parte in un film.
    Non so da che parte girarmi per lo schifo che provo per tutta questa situazione.

    • claudia mastro

      12 Novembre 2017 at 11:51

      ieri se ne ragionava e giustamente qualcuno ha detto : l unica cosa positiva è che magari ora dalla paura di accuse-anche esagerate, anche a cavolo- qualcuno la smettera con le occhiate sui bus, le manette morte, le schiacciatine etc etc
      però ripeto, io la mano sul fuoco in vita mia la metterei forse per mia madre , mio fratello, e questi partono in quarta a difendere un ambiente che da che mondo è mondo è un ambientaccio. e da sempre. è stato proprio costruito sull’amoralità. in questi giorni sto leggendo una biografia di clara bow e ad un certo punto c’è un intervista a sam jaffe, un famoso attore che racconta con non chalance che clara aveva una cotta per il figlio del produttore schulberg (praticamente i pre-paramount) che aveva 12 anni e i due “flirtavano”, lui lo sa bene perchè clara glielo raccontava per ingelosirlo dato che lui l’aveva mollata per tornare dalla moglie..
      non ci dimentichiamo che uno dei premi piu importanti dati ogni anno, duranti gli academy, ovvero l irving thalberg award, è dedicato a un produttore considerato si geniale e groundbreaking,ma notoriamente porcino, gener weinstein and more.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Gossip Italiano

Advertisement
To Top