Connect with us

Recensioni: Il (terribile) “Vita Da Carlo” (con e di Carlo Verdone su Prime Video)

Senza categoria

Recensioni: Il (terribile) “Vita Da Carlo” (con e di Carlo Verdone su Prime Video)

sottotiolo: MAX TORTORA NON SCOPA!

L’approdo di Verdone a Amazon con una specie di rip off triste e scopiazzato di Boris, se Boris fosse una cacata mal cacata, Inizia con Verdone “as himself” che sogna di vincere la palma d’oro premiato da uno tral’altro identico a Nanni moretti che invece è colui che gli sta facendo l’esame della prostata (cit? con frecciatina?) : è tutto  è una sorta di fine calambouche per portarci agli eventi di questo primo, interminabile, diretto con la mano sinistra, pieno di pause e di inquadrature della crapa di Verdone (oltre che di barrette lindt di cioccolato nero e di creme viso sponsorizzate nei bar), episodio: ovvero Carlo Verdone vuole fare un film drammatico.

Veniamo quindi a conoscenza del suo leggermente stereotipato sceneggiatore “intelletuolide di sinistra” che vuole fargli fare un film “alla Kieslowski” (good luck with that) fino  al produttore fine come una fresa che trebbia che dice “aho ma che d’è” e soprattutto al mega loft – magione- like di Carlo Verdone che é evidentemente qualche casa presa da airbnb o messa a disposizione da Luigione de laurentis (la filmauro al completo produce) , di quelle dove portava Alena e Michelle, ai bei tempi.

ED E’ tutto Fasullo come la merda, il famoso prodotto “sull’Italia che non esiste, per un Italia che non esiste” come il magistrale Morandini chiamò manuale d’amore 3. Tutto condito da  scene di cui non frega a nessuno e di una in cui carlone consiglia a max tortora di farlo anale con la fidanzata ma non sono sicura. Ci sono persino dei figli GGIOVANI (non è chiaro perché verdone a 70 anni debba immaginarsi con due figli –modelli – di 20 anni) colpevoli di tiratissime battute genere “aho non ti fare le canne usando come filtri i copioni delle sceneggiature”, costruite per altro nell arco di 5 minuti .

Verso la fine (sto pianto antico dura mezz’ora, per 10 immagino mai rinnovati episodi), Verdone viene raggiunto dalle ennesime figurine tagliate conl’accetta (dei politici, ovviamente furbetti e zozzoni ) per chiedergli di diventare sindaco , . Non è solo palese che questo doveva essere  l’espediente iniziale , ma è addirittura lapalissiano che tutto il resto fatto fin d’ora -incluso un frangipalle monologo sui mobili di casa del figlio che potrebbero non essere belli- serviva solo a fare minutaggio, visto che a parte la notizia che l’ex fidanzato della figlia rimarrà a vivere con lui (Certo probabilisismo) era tutto evitabile come metà degli acquisti della Roma, incluso la scenetta tra l intellettuale e il produttore rozzo tral’altro fatta molto meglio 30 anni fa in “saint tropez saint tropez”, un vero capolavoro di intimismo paragonato a tal ciofega

SAINT TROPEZ SAINT TROPEZ – FILM COMPLETO – YouTube

La palma d’oro, però, per tornare all’inizio, in effetti potrebbe vincerla. È l’unico prodotto al mondo in cui due co protagonisti sono difettanti di qualunque tipo di caratteristiche indugi-piacere, eppure erano probabilmente nati come omaggio, almeno penso, visto che Verdone è il padre.

Random

Verdone deve avere una specie di fissazione verso la mancanza di lavoro per i giovani in italia e anche un’altra verso il fatto che i giovani d’oggi so tutti cafoni e mischia le due cose insieme in un pout purri strano da cui viene fuori solo che alla fine non gli ffrega nulla di nessuna delle due teorie, basta che non gli rompano i coglioni

Non riesco a levarmi dalla testa la casa di verdone soprtatutto in virtu delle case che si vedono sempre sullo sfondo delle sue interviste. Lol ma come si fa

a parte appunto l’immagine di verdone in un enorme loft ultramoderno che chiama mi casa non c’è nient altro che provochi risate. la vita da carlo sembra proprio na nerchiata gengivale

Terribili davvero terribile le battute, e per di più neanche buttate la, no , costruite con preamboli quasi manzoneschi, cazzo. Idem per le gag (tutta quella tra tortora-verdone-claudia potenza è imperdonabile)

Scritto dal team dietro jeeg robot e prodotto da adl e giggino. Mix malpensato

Regia allucinante

Recitazione allucinogena. Soprattutto da parte delle cameriere (trattate per altro come delle subumane indegne, credo per un tentativo di effetto umoristico)

Enorme cameo di Roberto D’agostino -Che tral’altro avrà pensato “ma che è sta merda”- al massimo del suo mutande pazzismo .

quello si che era un capolavoro da rispolverare e portare trainato da schiavi su Prime.

Continue Reading
Advertisement
You may also like...
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Senza categoria

Advertisement
To Top