Connect with us

c’è un santo su youtube e voglio ringraziarlo personalmente

Trash

c’è un santo su youtube e voglio ringraziarlo personalmente

pochi film vengono costantamente cancellati dalla polizia youtube tanto quanto panarea. Qualche santo l’ha recentemente postato (in qualità anche mezza decente, sicuramente meglio di quella che passano in tv, che sarà un vhs pirata) e io voglio dirgli thank you, come alanis morissette, ma con panarea al posto di india (che suonerebbe una cifra meglio e  avrebbe molto più senso, tral’altro)

se non avete mai letto il post definitivo su panarea di dailybest (che comincia con Il capolavoro del trash estivo ha quasi vent’anni: ed è sempre orrendo e meraviglioso come una volta , per dire ,eh) fatelo e poi via verso la vera goduria

in effetti si, da dove nasce tutto questa pecularietà di panarea? In fondo ne abbiamo milionbizeffe di film trashimondi in italia. Bè ma c’è una sottile differenza

il film trash italiano,  è trash voluto. posso ancora ancora credere che il primo vacanze di natale davvero non si aspettasse di essere così bucolico, ma è ovvio che gli altri ci giochino su. nessuno mette rossano rubicondi a fare la parte di se stesso in un film , nessuno al mondo mette boldi e de sica in una doccia con megan gale e lei non si accorge di nulla, e boldi tiene anche un cactus, solo con intenti narrativi. nessuno riempie i film di loghi poste italiane..ah no, quelli sono i film di ozpetek. quelli sono belli. ah sie

INVECE, PANAREA, NASCE CON NOBILI INTENTI. vuole essere l”american pie italiano (prima di american pie poi)

è venuto fuori trash ,ma chi se lo aspettava? è uscito a dicembre pur essendo ambientato a agosto , ma chi poteva dirlo? o devo davvero credere che il buon produttore di clemente mise sulla bilancia 8 miliardi (di 22 anni fa…. come dire 20 milioni di oggi…praticamente tra i più costosi della storia del cinema italiano, e non sto scherzando) per fare una scemenza da tv?

e poi, si vede, dai. Panarea ha una colonna sonora costosissima, fatta esclusivamente di pezzi in voga in quel momento, e non si sono fermati alla dance da aerobica tipo “give me a break”, che comunque all’epoca era considerata “musica”, ma anche a “dica” di nicolo fabi e sul finale anche alla stra cult “i wish” di skeelo, un pezzone che ovviamente non c’entrava nulla (e non sapete quanto non c’entri dica finche non lo vedrete con i vostri occhi!)

anche la scelta attoriale, per quanto sembri encroyable, è fatta con un minimo di senso: alessia merz era molto famosa, ohara boarselli era l’unica vera wag dell’epoca, poi ci sono cose come: la sosia di claudia pandolfi o il fratello di jovanotti, insomma , nell’assurdità di questo cast scrausonissimo non credo neanche abbiano speso poco

IO QUINDI sono della mia ferma idea: panarea doveva lanciare un filone, il filone vacanziero. i problema è che il filone vacanze era già nato in italia nei 50 come mera pubblicità di posti balneari (capri, ischia, anacapri etc etc) e poi lì morto. infatti tutto panarea sembra un film di 40 anni prima, con lo stesso spirito di patata dell’epoca (“non devi andare sott’acqua per vedere il mio pesce” ) e anche con la stessa idea di un tempo (lanciare panarea come ambita meta scopereccia simil ibiza) e probabilmente è appunto la rilettura di una qualche sceneggiatura che castellano e pipolo avevano in soffitta o che hanno trovato al mercatino delle pulci. sicuramente nessuno nel 97 si esprimeva in quel modo, agiva in quel modo, pensava (chiamiamolo pensare va) in quel modo, e la speranza è che manco però nel dopoguerra lo facessero proprio. A sostegno della mia tesi c’è anche un personaggio , la signora che affitta le stanze, che impedisce alle “sue” ragazze affittuarie di frequentare ragazzi (???), fino al punto di filtrare telefonate (fatte dalla cabina) in entrata dagli stessi, andando direi non solo contro al fatto che siamo a 4 anni prima del 2000 o all’idea di far venire voglia di panarea a dei giovani, ma anche proprio all’economia della sua attività . Non male anche i due tipi “sfaccendati” che ci provano insistentemente con una tipa copiati paro paro da “poveri ma belli” (anche se non ho vista nessuna delle due cose)

 

in generale quindi Panarea non può e non deve essere paragonato a laura non c’è, a favola, a jolly blu, (sto cringeando mentre lo scrivo e sono impressionata dal fatto che sono tutti praticamente usciti insieme), infatti è, pur nel suo puro horror da macchiette, cattiverie (un personaggio si chiama la cicciona ,e basta) e battute  da 4 lire, pur nel suo essere fuori tempo da tutto,  comunque un prodotto di una certa decente indecenza: è girato bene, fotografato bene (Anche se, panarea? si potrebbe vedere di più?), montato bene. Insomma è un buon film che non sa di saperlo nato come bruttissimo film che non immaginava di esserlo.

VEDETEVELLLOOOO

 

trama

un gruppo di ragazzi si incontra a panarea, presumibilmente  tutti o quasi di roma. C’è la 18 enne col cervello di una sedia (alessia merz) obbligata a portarsi dietro la sorella più piccolina , due amici d’infanzia maschio femmina con una tensione sessuale irrisolta, una biondina corteggiatissima da due locali, etc etc. Arrivati sull’isola, tante novita: l’amica d’infanzia per puro caso rincontra il suo ex, che sembra avere 40 anni di più ed essere di bari oltre che l’individuo piu stupido della cinematografia mondiale, poi un tale detto “tarzan” che si innamora subito della merz ma per sbaglio corteggia la sorella minorenne (“per sbaglio”). più altri incroci tutti similmente dimenticabili. basti dire che tutto si appianerà, i due amici d’infanzia si metteranno insieme (assolutamente imprevisto), alessia merz riuscirà ad abbronzarsi “come naomi” (good luck with that) e che tutti si troveranno in una discoteca gestita da un tipo che si chiama il pirata ,con tanto di contorno di simil vogatori ignudi tenuti legati (che bel posto! e lui interpretato dal fratello di jova! wtf!)

unica storyline distaccata che non c’entra un tubo e che potevano usare per panarea 2: due ragazzi soli in villone (di guido nicheli!)  cercano di trombare due tipe . è anche l’unica storyline vicino all’interessante. E con un monologo che è storia

Continue Reading
You may also like...
Click to comment

More in Trash

To Top