Connect with us

Non se ne parla mai abbastanza “Classe mista terza A

Gossip Italiano

Non se ne parla mai abbastanza “Classe mista terza A

raramente i film italiani raccontano il tempo-luogo in cui sono stati girati. Non classe mista terza a! esiste un film che urla più 1995 di questo? io non credo

gia dalla prima scena, condita da quella musichetta che tanto andava in quegli anni nelle palestre (mia madre la usava per fare aerobica) e che segue un gruppo di ragazzi nel primo giorno dell’ ultimo anno di scuola tutti risvegliati da delle sveglie di inumana bruttezza e concezione, ma si, totalmente esistenti nei 90, fino al resto

dicevamo i ragazzi si svegliano e abbiamo subito quella che leonard matlin chiama “l’economia del film”, ovvero: la maggior parte dei film a basso costo (e dio se questo è a basso costo) non puo perdere tempo in descrizioni o scene riassuntive, ecco dunque che le stanze e persino i pigiami dei nostri ci dicono già chi sono: c’è una ragazza, ad esempio, che per farci capire sottilmente che è fidanzata, ha sul comodino  una foto evidentemente fintissima ed in posa che sarà stata una cartolina fatta per tv stelle dall’attore all’epoca, del suo ragazzo.

All’ingresso di scuola i nostri si raccontano cose che secondo logica dovrebbero già sapere: la 12 enne (che cavolo ci fa là?) che  chiede alla sorella se “st’estate ha fatto roba”(deve esserle venuto in mente in quel momento)  o l’amico del cuore che dice al suo fido “quella non me la farei perchè gia me la so fatta” lasciandolo ammirato

 “ci credo che sei occupato, sei un cesso”

“ma io ho una marcia in più” “si, la retromarcia”

all’ingresso conosciamo anche i prof:uno è il classico cattivo , uno è un pedofilo, ma forse la prof che chiama il suo cane “tutta la sua vita” è persino peggio dei due precedenti

 

ma ecco che veniamo introdotti alla nuova ragazza della scuola: anche se sta danzando una canzone degli anni 70 da sola non si sa con quale permesso o motivo nella palestra, persino questa scena è totalmente anni 90. In quegli anni infatti non è la rai aveva sdoganato non solo canzoni di 30 anni prima ma anche il concetto di smignotteggiare con la scusa dell “amore per la danza”

 

questa ignobile alla recitazione caterina che diventerà l’oggetto del contendera tra stefano (a cui concede giusto giri in motorino e passeggiate mano nella mano nonostante siano “inzieme”) e marco (LA Dà) ha una predisposizione per il padroneggiare lochi scolastici a suo piacere, oltre la palestra: in biblioteca (biblioteca???) ad esempio vi ha proprio un amplesso completo, per altro con stefano povero voyeur, tramite chiavi da lei possedute non si sa come

 

una seconda linea narrativa è quella che vede i tentativi del ciccionissimo malvestito (jeans a vita altissima con maglia dentro)giuliano di assecondare la fidanzata, impegnata con lui da anni e solo recentemente accortasi della sua merdosità. in nessun universo sti due starebbero insieme e servono solo per l’atroce scenetta con macchina da sfasciare featuring il tipo di un posto al sole (????) che ha accetato questa pseudo parte per motivi innaturali

 

ma la story più bella, direi quasi quella monumentale, è quella de : i tentativi del professore porcone di copulare con bella della classe che alla fine si lascia convincere per avere un bel voto in fisica (che poi cristo stanno al classico, quanto cazzo contano i voti di fisica???). una sitcom su uno stupro che però si risolve “bene”: la nostra “monroe” (a quanto pare moccia aveva scritto il personaggio modesty dove una ragazza doveva essere uguale a monroe al punto che tutti la chiamavano così, giustamente non l’ha trovata, ma ha lasciato la cosa intatta anche se sta tipa non c’entra nulla con norma jean) non solo scappa (incredibilmente non per la sbagliosità dell’atto, che per altro per lei sarebbe la prima volta, ma perchè il prof ha un corpo purulento e brutte mutande) ma trova l’amore con uno dei protagonisti, unica “carineria” azzeccata di un film che pare una bomba atomica

random toughts

1)secondo una mia amica la scena in cui stefano spacca il vetro si fa malissimo ed è vera. quando vedevo il film con lei voleva sempre ritornare su quella scena per pure grasse risate

2)attori improbabili che appaiono qua e là: a parte bonolis, mi ha colpito la tata di casa vianello come madre di stefano

3)incredibile la somiglianza del liceo nei suoi esterni con il liceo gb grassi di latina

4)nel film si sente “dica” di n.fabi,canzone ordunque votata al trash per eccellenza dei 90, dato che è presente anche nell’altro film megacult  “panarea”

5)penso sia l’unico film al mondo ad avere su wikipedia una pagina con descrizione “di parte”, si legge infatti sotto “produzione”

Si tratta del secondo film del regista romano dopo il suo esordio sfortunato nel 1987. Anche questo film ha avuto scarso successo. Cionondimeno veniva regolarmente trasmesso su Italia 1 fino ai primi anni 2010, spesso anticipato da un martellante spot che mostrava le uniche battute divertenti del film e il cameo di Paolo Bonolis.

quando neanche wikipedia è clemente è grave eh

6)sul mitico sito davinotti c’è la location della scuola

7)esistono ben due locandine

1 Comment

1 Comment

  1. Monica

    15 Ottobre 2018 at 10:43

    Devo vederlo questo film

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Gossip Italiano

Advertisement
To Top